Home > Australia, Viaggi > Finalmente a Sydney

Finalmente a Sydney

L’arrivo a Sydney alle ore 8 del mattino, dopo tante ore di viaggio, è emozionante… Sono dall’altra parte del mondo rispetto all’Italia!!!
Seppur sono nella città a più densità di popolazione dell’Australia, l’aeroporto non è affatto grande e neppure toppo moderno.
Recuperate le valigie ed effettuato il severissimo controllo sui bagagli alla dogana, sono all’aria aperta.
Seppur qui sia estate il tempo non è dei migliori: qualche nuvola grigia rende cupo il cielo e la giornata.
Oggi è l’Australian Day: la loro festa nazionale. Questa festa ricorda lo sbarco della First Fleet nella Baia di Sydney, avvenuto il 26 Gennaio del 1788.
La gente, appunto a causa di questa ricorrenza, è tutta per le strade e chi con una maglietta, un costume, una bandiera o un dipinto su una parte del corpo, indossa i colori dell’Australia.
Già dal treno che mi porta dall’aeroporto alla Circular Quay percepisco la loro felicità e gioia: gli australiani sono un popolo che tiene molto alla propria nazione e ne fa un vanto!
Lasciati i bagagli al Travelodge di York Street, incurante del fuso, faccio i pochi passi che mi separano dall’Opera House, dall’Harbour Bridge e dal quartiere di The Rocks: il cuore della festa.

Opera HouseVeduta della Sydney Cove e del Circular Quay

Gia dai primi passi mi accorgo che il centro Sydney è molto facile e veloce da girare a piedi.

Categorie:Australia, Viaggi Tag:
  1. Nessun commento ancora...