Home > Australia, Viaggi > Destinazione Ayers Rock

Destinazione Ayers Rock

Salutata Sydney e preso il treno che da York Street (Wynyard Station) mi porta alla partenza dei voli nazionali, mi imbarco su un volo della Quantas alla volta di Ayers Rock o, nella lingua aborigena, Uluru.

A pochi Km dall’arrivo, guardando fuori dal finestrino, mi rendo conto di essere in mezzo al niente infatti l’unica cosa che si discosta dal sottosuolo rosso e piatto, bruciato dal caldo, è il complesso montuoso di Ayers Rock e delle Olgas.

Ayers Rock visto dall'aereo..L'aereo della Quantas

Atterrato nell’unica lingua di asfalto presente e dopo aver messo indietro l’orologio rispetto a Sydney di 1,30h raggiungo, con un’auto a noleggio, l’Ayers Rock Resort e precisamente gli Emu Walk Apartments.

Il caldo (alle 13 l’auto segnava 43°) e le mosche che ti assalgono, rendono a mio avviso la vita impossibile in quest’aera dell’Australia.

Pagata la tassa di accesso al parco, 25AUD per tre giorni, mi dirigo verso le Olgas (Kata Tjuta in lingua aborigena) e dopo aver fatto la Walpa Gorge Walk (una piccola camminata all’interno delle Olgas) mi sposto per ammirarne i colori al tramonto.

Il complesso delle OlgasTramonto sulle Olgas

Ritornato all’appartamento decido di cenare con una pizza australiana farcita di funghi, pollo e ananas: uno schifo!!

Ayers Rock's Pizza
Categorie:Australia, Viaggi Tag:
  1. Nessun commento ancora...